fbpx

In Puglia c’é "un N.I.D.I." per le startup

Si chiama N.I.D.I. (Nuove Iniziative D’Impresa) ed é uno degli strumenti più efficaci e concreti per iniziare una attività in proprio-

Vediamo in breve come funziona

Chi può accedere
La misura è rivolta a soggetti appartenenti a categorie svantaggiate, che intendano avviare un’iniziativa imprenditoriale. Almeno il 50% delle nuove iniziative dovranno essere promosse da soggetti svantaggiati come di seguito definiti:
giovani con età tra 18 anni e 35 anni;
donne di età superiore a 18 anni;
disoccupati e inoccupati;
i dipendenti di imprese poste in liquidazione o soggette a procedura concorsuale;
i dipendenti di imprese posti in mobilità;
i dipendenti di imprese posti in Cassa Integrazione Guadagni o beneficiari di ammortizzatori sociali in deroga gestiti dalla Regione Puglia;
i titolari di partita IVA in regime di mono-committenza non iscritti al registro delle imprese che, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda telematica preliminare, abbiano emesso fatture per un imponibile inferiore a 30.000 Euro verso non più di due differenti committenti;

Forme giuridiche ammesse
Sono ammesse tutte le forme giuridiche con alcune indicazioni per casi particolari  incluse le società e associazioni tra professionisti

Quali attività si possono avviare
Dalle attività manifatturiere ai bed & breakfast, alla ristorazione, fino alle agenzie di viaggio e ai servizi di assistenza sanitaria e sociale. Si consiglia di consultare comunque tutte le indicazioni del sito ufficiale

Spese ammissibili
La misura prevede la agevolazione per l’acquisto di attivi materiali (ristrutturazioni, impianti, macchinari, attrezzature, ecc.) e immateriali (software, ecc.) con una agevolazione che prevede una copertura che va dal 100% (per investimenti fino a € 50.000, per scendere al limite del 80% per investimenti che superano i 100k€ e fino al limite di 150k€) nella forma del 50% a fondo perduto e 50% con mutuo “agevolatissimo”

E’ inoltre previsto un contributo aggiuntivo a consuntivo per le spese di gestione (puntualmente indicate nel bando) sostenute nei primi sei mesi, fino a un massimo di 10k€

Per maggiori informazioni invitiamo a visitare il sito ufficiale

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Vuoi ricevere le nostre analisi via mail tutte le settimane?

Compila il form e iscriviti al caffè del mercoledì

Articoli correlati