fbpx

Esiste una regola per costruire startup di successo? Consiglio 1 di 6.

La risposta è: “probabilmente no, non esistono regole certe per costruire imprese di successo”, tuttavia quello che si può sicuramente affermare e che esistono modalità di lavoro e di pensiero che sicuramente possono aiutare a definire percorsi di valore, che, applicati a buone idee ed a progetti sostenibili, possono condurre alla creazione di startup di successo.  Quello che state per leggere non è un dogma o un algoritmo del successo, ma una serie di modalità che vi aiuterà a costruire percorsi validi. Vediamoli in dettaglio.

Sviluppare una visione adeguata di se stessi
Si è parlato in vari modi di questo tema come, capacità di visualizzare gli obiettivi, pensiero positivo, potere taumaturgico della mente, ecc., ecc., quello che è assolutamente certo, indipendentemente dalla valenza scientifica delle varie teorie, è che un approccio positivo aiuta sempre, figuriamoci quando stiamo affrontando l’avvio e lo sviluppo del progetto. Certo si potrebbe aggiungere che il potere della nostra mente (ancora molto inesplorato) di condizionare le nostre capacità in termini sia negativi che positivi, è davvero sconvolgente. Proprio per questo, ad esempio nello sport, il mental coaching, è diventata una pratica obbligatoria per costruire prestazioni vincenti, in particolare negli sport individuali. Quindi se cominciamo a pensare a noi stessi ad esempio come creativi, fiduciosi, può aiutare? Certo che si. Alcuni approcci a questo ambito della metodologia consigliano addirittura non solo di visualizzare se stessi o il proprio progetto in ambiti positivi ma addirittura di riprodurlo con frasi, immagini, fotografie, ecc., insomma costruire una vittoria o percorso vincente, attraverso una prefigurazione.
Cerchiamo ora di disciplinare questo approccio.
Cominciamo con il selezionare le cose davvero importanti. Cos’è che può dare senso ed energia a noi stessi ed al progetto che stiamo avviando? Di tanto in tanto  si tende a perdere di vista i valori che ci hanno condotto a concepire l’idea valida alla base del progetto da sviluppare – le cose che ci definiscono e ci guidano – e con loro, la nostra fiducia nel futuro. Se non siamo costantemente allineati con i nostri valori, è facile lasciare che le convinzioni limitanti prendano il sopravvento: non sono abbastanza capace o preparato, non ho le risorse, non sono in un ambiente giusto.
Una possibile verità è che le variabili che condizionano un percorso vincente sono tantissime e spesso non controllabili. Una di queste variabili però siamo noi stessi. Ecco, immaginiamoci come la variabile iniziale “x” di una formula molto complessa, e cerchiamo di assegnarle un valore positivo, in modo da innescare uno sviluppo della formula in un senso piuttosto che un altro.
Come si può fare? Partiamo dall’assegnarci inizialmente i primi tre valori fondamentali del nostro percorso e quindi stabiliamo i passi che si possono fare ogni settimana per incarnare ognuno di quei valori.
Una necessaria raccomandazione. Un approccio di questo tipo certo aiuta a sviluppare il nostro potenziale e quello del progetto, ma non può colmare le eventuali lacune “tecniche”. Insomma per restare nello sport, un calciatore delle serie inferiori, anche con questo metodo, non può ambire a diventare un Leo Messi.

(la prossima settimana parleremo di obiettivi, il consiglio 2 di 6)

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Vuoi ricevere le nostre analisi via mail tutte le settimane?

Compila il form e iscriviti al caffè del mercoledì

Articoli correlati