Costruire startup di successo? Consiglio 2 di 6. Porsi obiettivi anche (im)possibili

Se cambiare il modo di pensare può avere effetti apparentemente magici, così può essere fissare degli obiettivi.
Niccolò Machiavelli nella sua Opera “il Principe” definisce tra le qualità necessarie:” fare come gli arcieri prudenti, e quali parendo el loco dove disegnano ferire troppo lontano e conoscendo fino a quanto va la virtù del loro arco, pongono la mira assai più alta che il loco destinato, non per aggiungere con la loro freccia a tanta altezza, ma per potere con l’aiuto di sì alta mira pervenire al disegno loro.” In pratica Machiavelli afferma che un Principe debba mirare in alto, poiché come l’arciere deve mirare più in alto del suo bersaglio se vuole centrarlo, così egli deve “temere” che i suoi obiettivi siano sempre al di sopra delle sue capacità, e allora impegnarsi ad essere all’altezza di essi.Ora pensate per un attimo alle imprese sportive “impossibili”, a quelle dello Spazio, alle scoperte in Medicina, ecc., e riflettete in quanti inizialmente (a parte i promotori) le ritenevano possibili. Quindi cos’è che rende (quasi) qualsiasi obiettivo, possibile, anche oltre i limiti delle immaginazione?

Diversi studi dimostrano che la definizione degli obiettivi è di per sé un mini-algoritmo per il successo.

Nel 2010, i ricercatori della McGill University hanno indagato se un programma di definizione degli obiettivi scritto potesse avere effetti positivi per studenti con difficoltà. Dopo un periodo di quattro mesi in cui gli studenti fissano obiettivi specifici e stabiliscono strategie dettagliate per il raggiungimento di questi obiettivi, quelli che hanno completato con successo il programma hanno mostrato un aumento del 30 per cento, in media, nel rendimento scolastico, rispetto al gruppo di controllo.
Impostiamo degli obiettivi chiari.
Pronunciamoli ad alta voce. Scriviamoli. I nostri obiettivi sono smart – semplici (simple o specific), misurabili (measurable) , raggiungibili (achievable), realistici (realistic)e con scadenze precise (Time-constrained). Impostiamo dei programmi temporali a breve e misuriamo in che modo il  progetto sta crescendo in tutti i cluster del business model: lo sviluppo dei prodotti/servizi; la verifica della corretta definizione delle soluzioni; nella strategia commerciale, ecc.
Definisci un programma di crescita settimanale e assegna ruoli e compiti allo staff per competenza, in modo che ognuno contribuisca e si senta guidato e motivato verso il “grande obiettivo finale”

Utilizza il tempo come risorsa scarsa

Impariamo a dire di no. Una chiave per raggiungere i tuoi obiettivi è essere selettivo con il tuo tempo in modo che la maggior parte della tua energia vada a ciò che conta.

(la prossima settimana parleremo di obiettivi, il consiglio 3 di 6)

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Articoli correlati