Voucher 3I:finanziamenti brevetti start up. Pubblicato il decreto “Voucher 3I – investire in innovazione” con finanziamenti alle start up per ricerche su brevettabilità e procedure di deposito marchi e innovazioni tecnologiche

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 283 del 3 dicembre 2019 il  Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 novembre 2019 , che stabilisce i criteri e le modalità di attuazione della misura “Voucher 3I – investire in innovazione” dedicata alle start up  che intendono  brevettare brevetti e marchi realizzati grazie ad innovazioni  tecnologici e digitali. La misura di finanziamento  sarà gestita da INVITALIA.

Le modalità per le domande saranno definite a breve da una circolare della direzione dell’  Ufficio italiano brevetti e marchi del Ministero dello sviluppo economico.

Vediamo intanto di cosa si tratta piu in dettaglio.
Tramite il voucher 3I le start up possono ottenere  ogni anno  servizi di consulenza  tecnica specializzata in particolare  per :
– anteriorità preventive per i brevetti,
– stesura della domanda di brevetto e di deposito presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi,
– procedure di deposito all’estero di una domanda (in presenza di brevetto nazionale)

La misura è dedicata specificamente  alle  start-up innovative iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese, che effettuano investimenti sulla valorizzazione del proprio processo di innovazione.
Gli importi  e le  relativa consulenze ammesse sono i seguenti :
– servizi di consulenza relativi all’effettuazione delle ricerche di anteriorità preventive e alla verifica della brevettabilità dell’invenzione, concedibile nella misura massima di euro 2.000,00 + IVA;
– servizi di consulenza relativi alla stesura della domanda di brevetto e di deposito presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi, concedibile nella misura massima di euro 4.000,00 + IVA;
– servizi di consulenza relativi al deposito all’estero di una domanda che rivendica la priorità di una precedente domanda nazionale , concedibile nella misura massima di euro 6.000,00 + IVA.

Non sono finanziabili i costi per tasse e diritti di deposito.

Ogni start up può  richiedere ogni anno fino a 3  voucher 3I , relativi a tre diversi brevetti .

Le consulenze potranno essere fornite solo da consulenti industriali e avvocati iscritti negli elenchi dell’Ordine dei consulenti in proprietà industriale e del Consiglio nazionale forense.

It's only fair to share...Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page

Leggi altri articoli nelle stesse categorie:

Creazione Impresa
Se condividi questo articolo contribuisci alla diffusione della conoscenza e della libera informazione, quindi trasferisci valore. Il valore è una forma di ricchezza, quello della conoscenza e dell’informazione se sono liberi e democratici contribuiscono all’arricchimento di tutti
Nicola Vernaglione