Piani di incentivazione. Introduzione allo strumento

Piani di incentivazione. Come preannunciato, con questo caffè del mercoledì avviamo il terzo speciale del 2024 che dedichiamo ad un argomento mai trattato fino ad ora (almeno in maniera organica): quello dei piani di incetivazione. Uno speciale che ha la finalità di far comprendere l’estrema efficacia dello strumento quale mezzo per incentivare e trattenere i talenti all’interno delle PMI innovative, Analizzeremo la  finalità dei piani di incetivazione che può variare a seconda del contesto in cui vengono applicati e gli elementi stessi del piano fornendo esempi e analisi molto pratiche ed essenziali. Con questo primo articolo di apertura, Nicola Tracanella ci introduce al tema attraverso un opportuno e necessario inquadramento complessivo della materia.

Guarda il Videocaffè

Piani di incetivazione. Differenze e analogie con il work for equity

Cominciamo con il tratteggiare le differenze tra i piani di incentivazione ed il work for equity, di cui abbiamo ampiamente scritto in passato. Se i secondi sono dedicati ai fornitori esterni, i primi sono invece riservati a dipendenti e collaboratori, incluso il management.

Entrambi, nelle intenzioni del Legislatore che li ha resi applicabili a startup (Legge 179/2012) e PMI innovative (Decreto Legge 3/2015), sono strumenti per attrarre e mantenere talenti, risorse qualificate che una società di ridotte dimensioni e con limitate risorse economiche non potrebbe altrimenti trattenere: ad esempio sviluppo di un prototipo, campagne di marketing, realizzazione di piattaforme o software ecc

In cambio delle proprie prestazioni, a questi soggetti sono attribuite quote del capitale sociale; si può dire che scommettono insieme ai founders sul successo del progetto.

Piani di incetivazione. Le agevolazioni fiscali

Per assicurare la diffusione dei due strumenti, sono anche state introdotte importanti agevolazioni fiscali. La ragione dell’introduzione di queste agevolazioni è da ricercare nella funzione sociale a favore della collettività che svolgono le imprese innovative, nonché nella necessità di ridurre il rischio di impresa per imprese potenzialmente “disruptive”, ma dal grosso rischio di default.

L’articolo 27 del DL 179/2012 prevede la non imponibilità sia ai fini fiscali che ai fini contributivi del reddito di lavoro derivante dall’assegnazione di strumenti finanziari o diritti similari, nonché di diritti di opzione per l’acquisto degli stessi (“Strumenti Finanziari”), attribuiti da un Soggetto abilitato (cioè, dalla Startup o da una società da questa direttamente controllata) ai propri amministratori, dipendenti e collaboratori continuativi (i “Beneficiari”).

SI tratta di una importante novità rispetto ai piani di incentivazione attuabili dalle società “non innovative”; in questo caso infatti il reddito di lavoro dipendente derivante dall’assegnazione di strumenti finanziari viene tassato in capo al beneficiario (amministratore o dipendente).

Piani di incetivazione. Chi può emetterli e come

Una importante differenza riguarda l’individuazione dei soggetti giuridici che possono attuare piani di incentivazione e di work for equity; per quanto riguarda i primi, si fa riferimento alla startup o a società da queste controllate, mentre nell’ambito del work for equity possono essere emesse solo da startup.

Infine, è differente il procedimento giuridico di assegnazione delle quote: nel work for equity avviene attraverso la compensazione di un credito maturato a fronte di una prestazione professionale. Nei piani di incentivazione invece, generalmente, attraverso l’esercizio di una stock option.

Possiamo riassumere analogie e differenze tra i due strumenti nella seguente tavola sinottica, evidenziando anche nella prima colonna il regime ordinario (quello applicabile dalla generalità delle imprese, anche se non innovative).

 

Regime ordinario Tuir

Regime startup innovative (PMI innovativa)

Work for Equity

Beneficiari

– Dipendenti

– Amministratori

– Collaboratori continuativi

(solo per offerte alla generalità degli stessi)

– Dipendenti

– Amministratori

– Collaboratori continuativi

(anche per offerte solo a taluni di loro)

– Liberi professionisti

– Lavoratori autonomi

– Imprenditori

– Società

Limiti di importo non imponibile       

Euro 2.065,83 per periodo di imposta

Nessuno

Nessuno

Titoli   

Azioni

Azioni, quote, strumenti finanziari partecipativi

Azioni, quote, strumenti finanziari partecipativi

Emittenti         

– Impresa datore di lavoro

– Società controllanti

– Società controllate

– Società “sorelle”

– Start-up innovativa

(datore di lavoro)

– Società direttamente controllate

– Start-up innovativa

(committente)

Limite temporale di emissione        

Nessuno

Start-up innovativa

 

Vincoli alla cessione           

Senza limiti di tempo nei confronti della società emittente o datore di lavoro;

Senza limiti di tempo, nei confronti di Startup innovativa, Incubatore certificato, Società emittente, Società del gruppo

– Società controllate

– Società “sorelle”

Nessun vincolo


————————————————————————————————————————————–

Per oggi terminiamo qui. Nel prossimo “caffè”, Ezio Este tratterà il tema dell’intero processo che regolamente l’attuazione dei piani di incetivazione

Non lasciare che le tue domande rimangano senza risposta. Prenotando una call, avrai l’opportunità di discutere direttamente con noi e trovare insieme le soluzioni più adatte alle tue esigenze. Che si tratti di approfondire gli argomenti trattati o di esplorare nuove opportunità, siamo qui per aiutarti. La conoscenza è potere, ma la conversazione è la chiave!

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Vuoi ricevere le nostre analisi via mail tutte le settimane?

Compila il form e iscriviti al caffè del mercoledì

New! Nuovo e-book Piani di Incentivazione

New! Nuovo e-book aggiornato sulle detrazioni per investimenti

New! ABC Startup. I Webinar dell'edizione 2024

BasicPlan & Certificazioni. Il kit da rilasciare agli investitori in startup.

Costituisci una startup innovativa o trasforma la tua azienda in PMI innovativa ​​

Quanto vale la tua startup? La valutazione certificata

Articoli correlati

Iscriviti al caffè del mercoledì

Compila il form e iscriviti al caffè del mercoledì

  • Hidden

Prenota il video meeting

  • Hidden