Il contesto post COVID-19 delle Startup

Il contesto post COVID-19 delle Startup. Un quadro d’insieme sulla salute delle startup. E’ uno dei topics del momento, la verifica e valutazione dell’impatto COVID sulle startup in genere e su quelle italiane in particolare. Ci si domanda quanto abbia impattato e impatterà ancora sulle capacità di mantenimento delle posizioni o addirittura di sopravvivenza e se sia o no necessario includere le startup in una programma prioritario di politica economica.

Guarda la versione video

Partecipa all’indagine

Le indagini svolte e consultate

Il 26 giugno Startup Genome ha pubblicato un rapporto assai specifico – The Global Startup Ecosystem Report 2020 (GSER2020) – sul mondo delle Startup, analizzando diversi Paesi e soprattutto la crisi economica generata dal Covid-19. Questa la sintesi dei risultati

1.Il 40% delle startup sono in red zone.
2.Oltre il 60% delle startup ha ridotto personale o stipendi
3.Circa il 31% ha ridotto costi e personale di R&D
4.Il 71% delle startup ha ridotto i costi mediamente del 22%

Il Global venture capital funding invece è diminuito circa del 20% dall’inizio della pandemia, creando effetti a catena in tutti gli ecosistemi

Due onde d’urto si sono abbattute sulle startup

SHOCK DI CAPITALE

Riguarda il  fundraising process, che, a seconda dei casi, per “tre su quattro startup” è stato drammaticamente interrotto o annullato, oppure diminuito.

SHOCK DELLA DOMANDA

Dall’inizio della crisi innescata dal Covid-19 circa il  72% delle startup ha registrato un calo delle entrate

Ma anche segnali positivi

Un vero e proprio  boom economico lo hanno ottenuto le vendite online, registrando un sonoro +162,1% registrate tra il 22 ed il 29 marzo, aumentando il trend di 20 punti rispetto alla settimana precedente.

Le vendite nelle GDO sono aumentate in doppia cifra rispetto all’anno precedente, raggiungendo un picco di +16,4%

Il settore delle consegne a domicilio è cresciuto del 26% rispetto al mese precedente.

Il fatturato “dell’estetista cinica”: 13 milioni nei primi 4 mesi del 2020.

Una possibile chiave di lettura

L’impatto del COVID 19, (del quale non conosciamo ancora i reali effetti sulle econome mondiali) potrebbe risultare un  momento di crisi epocale, e come tale va interpretata in termini oggettivi, ovvero analizzando rischi e opportunità.

Certo ha prodotto  grandi opportunità per le imprese (startup) native digitali; che fondano il proprio business sull’e-commmerce, sul delivery, e-learning, e-conference, smartworking, consultech, fintech o sanitario.

Ha posto i  business tradizionali davanti alla necessità di innovare i processi (il commercio tradizionale soprattutto), e le startup davanti alla necessità di «pivotare»

La nostra indagine

Davanti a scenari così contrastanti e visto il nostro impegni anche istituzionale all’interno dell’intero ecosistema startup (in termini di formazione e informazione) abbiamo deciso di promuovere una nostra  indagine autonoma, che trovate al link riportato in apertura e sui nostri social. L’indagine sarà aperta fino al 15 settembre. Il report sarà prodotto e disponibile entro il 15 ottobre.

Buone vacanze. Ci rileggiamo a settembre con molte novità

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Articoli correlati