fbpx

Investimenti in startup. Le società fiduciarie

detrazioni startup

Investimenti in startup. Si stanno sempre più diffondendo prassi che tendono a semplificare le attività di raccolta di capitali da parte delle startup attraverso l’utilizzo di “veicoli” che possono costituire un efficace strumento di semplificazione amministrativa. Con il contributo di oggi analizziamo la società fiduciaria.

Guarda il videocaffè

Investimenti in startup. La fiduciaria come veicolo

La società fiduciaria è una società che svolge esclusivamente l’attività di gestione ed amministrazione per conto terzi di beni di natura patrimoniale (immobili, quote o azioni di società ecc…) o finanziaria (conti correnti, finanziamenti in società ecc…).

Si tratta quindi di un contratto (mandato fiduciario) con cui un soggetto (mandante o fiduciante) affida alla società fiduciaria l’amministrazione di uno o più beni (l’oggetto del mandato) di cui mantiene la titolarità effettiva, anche se di fronte ai terzi compare la proprietà “apparente” della fiduciaria.

Investimenti in startup. I rischi della fiduciaria

Per ridurre i rischi, è previsto che le società fiduciarie possano operare solo dietro apposita autorizzazione ministeriale e sono assoggettate a vigilanza continua da parte del MISE, oltre ad essere obbligate a comunicazioni periodiche alle autorità antiriciclaggio.

Per quanto riguarda in modo particolare le startup, il legislatore ha inoltre previsto una apposita normativa volta a garantire la trasparenza degli assetti proprietari delle startup (articolo 25 del DL 179/12, comma 12). Resosi conto che tale trasparenza avrebbe compromesso la natura stessa del mandato fiduciario, il MISE ha previsto, in presenza di fiduciarie, un’adeguata procedura per la comunicazione dell’elenco soci alle camere di commercio (CIRCOLARE N. 3699/C), trasfusa nella procedura di registrazione alla sezione speciale del Registro Imprese. Questa procedura garantisce la disclosure dell’elenco soci a favore delle autorità, mantenendolo tuttavia opaco rispetto agli altri soggetti.

Investimenti in startup. Raccogliere capitali di terzi

Ma torniamo ai vantaggi delle società fiduciarie; tra gli altri, occorre senza dubbio ricordare che la società fiduciaria si presta come uno strumento molto elastico per gestire patti di sindacato e parasociali, escrow agreement, caparre, diritti reali (come ad esempio pegni), passaggi generazionali ecc…, anche grazie alla possibilità di imporre alla fiduciaria determinati automatismi correlati alla gestione dell’oggetto del mandato, con la società fiduciaria che si pone come garante del rispetto degli accordi stessi.

Quello che si vuole qui sottolineare, tuttavia, è che le società fiduciarie costituiscono un efficace strumento di semplificazione amministrativa. Sempre più spesso nella raccolta di capitali si assiste alla creazione di una società veicolo posta a monte della startup. Viene costituita la società veicolo X che diventa socia della startup Y, la quale raccoglie e gli investimenti di soggetti terzi che diventano soci di Y grazie – appunto – all’apporto di capitali. Gli investitori, quindi, non partecipano direttamente al capitale della startup, ma lo fanno tramite la società veicolo.

Con la società fiduciaria, invece, gli investitori acquistano direttamente le quote della startup, ma le affidano in gestione alla fiduciaria con mandati multipli (più mandanti che conferiscono le proprie quote all’interno di un unico mandato) o individuali.

In questo modo, si ottengono i seguenti vantaggi:

  • La startup non deve avere a che fare con una pluralità di soci (si pensi ad esempio alle campagne di raccolta pre-costitutiva oppure alle campagne di crowdfunding); le comunicazioni vanno fatte ad un unico soggetto, in assemblea interviene un unico soggetto, un solo soggetto vota in assemblea (se le quote hanno diritto di voto) ecc… ecc…
  • I costi di gestione sono ridotti rispetto a quelli necessari per l’amministrazione di una società veicolo;
  • I successivi trasferimenti di quote possono avvenire tramite la cessione del mandato fiduciario (c.d. reintestazione fiduciaria) in modo molto più agevole di quanto non accada per la compravendita delle azioni della società veicolo (non è ad esempio necessario ricorrere al notaio);
  • Anche la reintestazione delle quote dalla società fiduciaria all’originale fiduciante non viene effettuata tramite notaio e non genera plusvalenze, considerato che non muta la proprietà effettiva delle quote;
  • L’investimento non viene effettuato attraverso una “società che investe prevalentemente in startup innovative”, con tutti i vincoli che questo tipo di veicolo comporta.
Investimenti in startup. Agevolazioni collegate alla fiduciaria

Per sgombrare il campo da un dubbio che può essere venuto ai lettori, concludiamo questo contributo ricordando che le agevolazioni previste per chi investe in startup e PMI innovative (30 e 50%) non vengono meno nel caso di investimento effettuato tramite società fiduciarie; la Risoluzione dell’ Agenzia Entrate n° 9 del 2015, infatti, afferma che l’intestazione fiduciaria di azioni o quote “non modifica l’effettivo proprietario dei beni, identificabile sempre e comunque nel fiduciante. Come evidenziato, infatti, dalla sentenza n. 4943 del 21 maggio 1999 della Cassazione civile, i fiducianti vanno identificati come gli effettivi proprietari dei beni affidati alla fiduciaria ed a questa strumentalmente intestati. Per questo motivo, “L’interposizione della società fiduciaria, tra la partecipata ed i soci, di per sé non rappresenta causa ostativa per l’applicazione del regime agevolativo in commento, a condizione che sussistano tutti i presupposti richiesti dalla relativa disciplina.

In conclusione, si può affermare che l’utilizzo di società fiduciarie come “interposizione” tra la startup e gli investitori rappresenta probabilmente il mezzo più elastico ed economico per la raccolta di capitali di terzi, senza che questi debbano rinunciare alle agevolazioni previste per gli investimenti in startup e senza richiedere la complessità gestionale di veicoli complessi come le società che investono prevalentemente in startup innovative.

Inizia il tuo percorso di Imprenditore Consapevole. Frequenta la nostra Academy.

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Vuoi ricevere le nostre analisi via mail tutte le settimane?

Compila il form e iscriviti al caffè del mercoledì

Articoli correlati